Non ascoltare per parlare, ascolta per capire

Essere educati significa aspettare che l’altra persona tira fuori la mano dalla borsa Doritos prima di prenderne una manciata. A nessuno piacciono le tue dita marinate che sfiorano la loro mano. Semplicemente non c’è abbastanza spazio in un sacchetto di patatine per due mani di adulti.

Proprio come aspettare che l’altra persona finisca di parlare è anche “educato”, ma non è questo che significa ascoltare veramente in una conversazione.

Pensavo di essere un ottimo ascoltatore.

Alla fine ho imparato a chiudere la bocca e lasciare che l’altra persona finisse di parlare prima di saltare dentro e divagare i miei due centesimi ed ero orgoglioso di me stesso per questo.

In precedenza, che stavo discutendo con la mia signora, discutendo di calcio o di politica con un gruppo di amici o analizzando i piani aziendali con i miei partner, interrompevo sempre le persone perché pensavo di sapere già cosa stavano cercando di dire o sentivo che il mio punto di vista era solo più importante.

Risulta, sono ancora un pessimo ascoltatore. Non sono diventato un ascoltatore migliore come avevo inizialmente pensato, sono diventato solo più gentile.

Una buona comunicazione inizia con l’ascolto, ma nella parte “ascoltare” c’è molto di più che aspettare la tua occasione per parlare.

La conversazione non è sempre comunicazione

Quando parlo dell’importanza dell’ascolto, non sto parlando delle conversazioni quotidiane qui, sto parlando di quelle in cui deve avvenire la comunicazione reale. Quando il tuo matrimonio, i tuoi affari, il tuo lavoro o la tua amicizia potrebbero essere in pericolo.

Il problema raramente deriva dalla mancanza di chiarezza nella conversazione, ma di solito risiede in noi e nella nostra volontà di dare veramente una schifezza alla prospettiva di un’altra persona. Ascoltare per capire è un’arte di comunicazione preziosa che sembra essersi persa nel tempo.

La vera comunicazione consente alle persone di aprirsi e di essere vulnerabili, crea una connessione molto più profonda delle semplici parole e quindi potresti sentire e comunque non capire.

Neuroni specchio

I campi della scienza e della psicologia ci hanno fornito informazioni inestimabili sulla connessione umana e si presenta sotto forma di Neuroni specchio .

Un neurone specchio è un neurone che si attiva sia quando eseguiamo un’azione sia quando vediamo un altro essere umano compiere quell’azione. Guardare qualcuno che lecca un cono gelato spara nel nostro cervello gli stessi neuroni che leccano effettivamente un cono gelato. Per quanto riguarda il cervello, non può dire la differenza.

Questo è il motivo per cui possiamo entrare in empatia con altri esseri umani e quando vediamo emozioni o espressioni sul viso di un’altra persona, spesso possiamo sentire ciò che provano.

<” Cosa c’entra questo con l’ascolto, potresti chiedere? Tutto.

Se riusciamo a praticare l’arte dell’ascolto consentendo al nostro cervello di funzionare come dovrebbe, possiamo veramente ascoltare per capire . Attraverso questi neuroni, il nostro cervello ci consente di raccogliere di più da una semplice conversazione che non solo le parole pronunciate. Nel tempo siamo diventati ignari dei segnali che ci invia, ma con la pratica possiamo imparare a riprenderli di nuovo.

Quanto più prospererebbero le tue relazioni con le persone se le comprendessi veramente?

Ecco 4 modi in cui puoi esercitarti a essere un ascoltatore efficace semplicemente utilizzando l’assistenza del tuo cervello.

1. Affronta l’oratore e mantieni il contatto visivo.

Ciò consentirà ai tuoi neuroni specchio di mettersi al lavoro. Un volto umano ha 43 muscoli che si impegnano quando mostriamo emozioni, espressioni e altre comunicazioni non verbali e possiamo raccogliere emozioni che la nostra mente cosciente non riesce a cogliere ma che il nostro corpo può provare.

2. Non interrompere e non imporre le tue “soluzioni”.

Vogliamo naturalmente aiutare quando qualcuno sta spiegando un problema, ma quando proviamo a offrire consigli o ci prepariamo per quello che vogliamo dire dopo, la nostra mente non può assolutamente elaborare ciò che viene detto e perdiamo l’opportunità di capire.

3. Prova a sentire quello che sta provando l’oratore.

Ricorda, hanno anche neuroni specchio. Quando inizi veramente ad ascoltare e capire, il tuo corpo lo rifletterà su di loro. Ciò consentirà loro di continuare perché se si sentono come se non fossi coinvolto, potrebbero non espandersi.

4. Presta attenzione a ciò che non viene detto, ai segnali non verbali.

Esercitati a essere consapevole dei segnali non verbali da solo. Questo ti permetterà di diventare ancora più bravo a cogliere le piccole cose come frustrazione, tristezza, paura, preoccupazione, entusiasmo e molte altre emozioni che vengono mascherate dalle parole.

Non ascoltare solo per parlare, non offrire consigli o opinioni, non proiettare la tua prospettiva senza prima capire veramente la loro e aprire la mente. Accetta la sfida e ascolta per capire .

Verifica se questo non cambierà ogni tua conversazione e relazione.

C’è un modo migliore per vivere!

<” Grazie per aver letto! Questo articolo è stato originariamente scritto per il mio sito web. Scrivo e parlo nella speranza di ispirare le persone a cercare e trovare il massimo da questa breve vita. 🙂

Originariamente pubblicato su speaklife365.com il 21 dicembre 2016.