Mangio più del mio fidanzato, e allora?

L’altro giorno, ero in un bar locale a pranzo: una fetta di pane tostato con avocado e un uovo fritto. Sì, sono un millenario e sì, sono elementare; va bene, lo so già. Ma quando ho finito il pasto, mi sono reso conto che avevo ancora fame. A nessuno piace essere arrabbiato, quindi sono tornato al bancone per ordinare un secondo giro: un’altra fetta di pane tostato con avocado, avocado extra per favore.

Il cassiere sembrava divertito, come se stessi scherzando o chiedendo di fare il bagno in una bevanda fredda.

L’attrice w , quando ha portato il secondo piatto, ha strizzato gli occhi mentre me lo dava, come a dire che pensava che la mia prossima mossa sarebbe stata un carrello elevatore da lì e spedito direttamente a Overeaters ‘Anonymous.

Ho alzato le spalle e borbottato qualcosa sull’essere ancora affamato.

Mi sentivo a disagio e un po ‘imbarazzato per aver bisogno di mangiare più di quanto ritenuto socialmente accettabile. Questo è stato immediatamente seguito da fastidio, perché andiamo, gente, non è come se fossi lì a chiedere un piatto di crack in più.

Solo toast. TOAST.

E davvero, di chi sono gli affari cosa – o quanto – mangio a pranzo? Non ero lì come buongustaio o blogger. Non stavo scrivendo su Instagram o scrivendo una recensione per la sezione ristorazione di qualche pubblicazione locale, o lì da qualsiasi tipo di autorità per controllare la loro preparazione del cibo. Lo dico perché non riesco a immaginare nessun altro scenario che potrebbe dare a qualcuno nella mia stanza vicina di giudicare cosa stavo mangiando durante la mia pausa pranzo.

Ma questo è il tipo di società in cui viviamo adesso, non è vero? La cultura della dieta è diventata così pervasiva che – almeno per la maggior parte di noi – c’è una comprensione inconscia di ciò che è presumibilmente giusto o sbagliato, accettabile o falso quando si tratta di mangiare. Indipendentemente dal fatto che io sia una donna minuta con un corpo magro, ricevere i secondi automaticamente ha sollevato una bandiera come comportamento inappropriato.

Per tutto il tempo che posso ricordare, ho mangiato più della maggior parte delle persone intorno a me. Sono minuscolo, ma quasi sempre mangio più della maggior parte degli uomini che conosco. Ciò include il mio fidanzato, che è il doppio di me. È un raro giorno in cui non ho il doppio della quantità di cibo nel piatto, ad eccezione di ogni volta che viene servito il bacon (il ragazzo adora il bacon).

E quindi sono abituato agli sguardi di persone che non conosco, ai commenti disinvolti e alle risatine. Il “Dove lo metti?” e “Sei sicuro di volere di più?” domande.

Mi sentivo strano al riguardo e mi rimproveravo mentalmente di essere sempre affamato, come se fosse qualcosa su cui avevo molto controllo. Perché mi ci è voluto molto più tempo per sentirmi sazio durante un pasto rispetto ad amici e familiari, quando stavamo mangiando esattamente le stesse cose. Per non essere d’accordo con il fatto che i pasti a volte sono l’ultima cosa nella mente delle persone quando siamo in giro, perché il mostro appendiabiti non può essere domato quando sto troppo a lungo senza mangiare.

Io e i miei amici ne abbiamo sempre fatto uno scherzo. Il fatto che io porti regolarmente spuntini nella mia borsa è esilarante, perché non sono un metro e novanta e sono noto per tirare fuori una barretta di cereali dalla borsa nel mezzo di un bar.

Sono perfettamente consapevole, tuttavia, che se fossi in un corpo più grande, le reazioni sarebbero probabilmente più gravi e che le persone non troverebbero questo comportamento “carino”. Non sarebbe considerato divertente o impressionante che io abbia bisogno di uno spuntino ogni due ore. Sarebbe invece considerato sbagliato, goloso o autodistruttivo.

Ma ecco il punto: nonostante ciò che la società può indurti a credere, è davvero, davvero, assolutamente giusto mangiare. Va bene nutrirsi e non necessariamente bere solo succo verde o contare le calorie o attenersi a una dieta particolare. Va bene ascoltare il proprio corpo e prendere decisioni in base ai suoi segnali piuttosto che in base a ciò che il guru della dieta della settimana ha ritenuto accettabile.

Gli esseri umani hanno bisogno di mangiare; è una funzione fisiologica molto reale e, come tale, non è necessario gettare ombra su qualcuno che non mangia come o quando ritieni opportuno. Non esiste un modo “corretto” di mangiare o dieta.

E, indipendentemente da ciò che mangi, una testa di cavolo o uno di qualsiasi cosa nel corridoio delle caramelle del negozio di alimentari, è normale avere di nuovo fame. Questo è vero se ti trovi in ​​un corpo piccolo, grande o intermedio. Non c’è nessuna risposta Riccioli d’oro qui, e davvero – ha provato come molte ciotole di porridge? Giusto.

Comincio a pensare che avrei potuto intitolare questo saggio “Lasciami perdere – ho fame”, ma seriamente – a meno che tu non sia il medico di qualcuno o un’altra persona che hanno invitato a una conversazione sul loro corpo o sulla loro salute, che ne dici di cancellare quel giudizio?

E se sei la persona che viene giudicata per le tue scelte di snack o per aver mangiato più della tua dolce metà o collega, sappi che questo non ti rende una persona cattiva o debole; stai andando bene, ragazza, e hai il diritto di ignorare la disapprovazione o il feedback non richiesto di qualcuno.

Ci sono così tante cose più interessanti su una persona di ciò che c’è nel piatto e se voglio due pezzi di toast di avocado disgustosamente troppo cari, così sia.

A ciascuno il suo.