I 14 migliori blog di startup e venture capital di quest’anno

Quando si tratta di post di blog su startup e venture capital, leggo praticamente tutto ciò che è sciolto e bloccato. Proprio come l’anno scorso, ho colto l’occasione per aggiornare la mia lista di letture e riassumere i migliori post del blog che ho letto nel 2016. Mi piacciono i post del blog che mostrano un nuovo suono, che si basano su una bella analisi, che forniscono intuizioni tangibili e / o che aggiungono qualcosa di prezioso all’ecosistema delle startup olandesi. Questi sono i miei post e articoli del blog preferiti da o sulla scena del capitale di rischio e delle startup olandesi nel 2016, senza un ordine particolare:

Stato della startup tecnologica olandese & amp; VC Landscape
Herman Kienhuis e Ludolf Stavenga (RIVER Venture Partners) sul loro sito web
Bella panoramica della startup tecnologica olandese e del capitale di rischio scena, compresi accordi e uscite di VC, giocatori importanti, opportunità e minacce, sull’esempio di Point Nine Capital, tra gli altri. Conclusione: stiamo crescendo. Se ingrandiamo un po ‘il livello europeo tramite l’analisi di Atomico e Slush, vediamo anche qui una buona prospettiva: “la tecnologia profonda sta prosperando in tutto il nostro continente e di conseguenza il futuro sarà inventato in Europa”. Buon punto di partenza per il 2017.

I convertibili sono sopravvalutati?
Joachim Blazer sul suo blog e StartupJuncture
Joachim ha ora sviluppato una serie di utili e tecnici post di blog scritti su valutazioni, term sheet e cap table, sempre elaborati con un esempio in Excel. Questo blog parla di convertibili, una forma ibrida di finanziamento che sembra essere diventata più popolare nei Paesi Bassi negli ultimi anni. Joachim analizza un convertibile standard con un accordo azionario nella stessa fase e conclude: i convertibili sono sopravvalutati perché un investitore è sottocompensato per i rischi. La logica (e il calcolo) alla base di questo è che un investitore azionario entra effettivamente in un round prima e quindi prende più rischi e quindi vuole ottenere un rendimento atteso più elevato e quindi richiede più azioni di un investitore convertibile che entra nella stessa fase. Questo è solo compensato dallo sconto o dal limite di valutazione, ma risulta essere inferiore alle azioni di un accordo azionario. Nella conclusione, mi manca la sfumatura che l’investitore convertibile ha ancora un prestito che può coprire il suo lato negativo (un po ‘), il che spiega (in parte) che la sua quota è relativamente minore. Per quanto mi riguarda, l’essenza di questo post sul blog è che ogni strumento finanziario ha caratteristiche diverse e che non si dovrebbe scegliere ciecamente uno strumento che potrebbe essere di moda adesso.

L’effetto della tecnologia
Jan Andriessen (henQ) al VEECEE
Siamo ora in una bolla tecnologica e tutti si, com’è possibile? Jan spiega come può sorgere una bolla, sulla base di un articolo scientifico; l’effetto tecnologico. In breve, significa che le persone hanno grandi aspettative sulla tecnologia che ancora non conoscono. Meno sanno della tecnologia, maggiori sono le aspettative. In effetti, è un effetto psicologico che le persone associno la nuova tecnologia a una percezione del successo. Ma anche gli investitori sono guidati da questo, quindi possono investire in tecnologia che non capiscono come funziona, semplicemente perché hanno la speranza che funzioni. E ciò a sua volta può tradursi in investimenti che alla fine non sono all’altezza delle aspettative. La ricetta delle bollicine?

5 concetti da conoscere quando si conclude un accordo di capitale di rischio
Sjoerd Mol (Benvalor) su Sprout
In un accordo di capitale di rischio, il pericolo di asimmetria informativa è in agguato; per l’imprenditore potrebbe essere il suo primo affare, ma il VC fa circa 2-3 all’anno e quindi sa meglio come stanno andando le cose. Per migliorare il tuo livello di conoscenza, Sjoerd Mol ha scritto un libro sui termini dell’accordo con altri due esperti. In questo articolo su Sprout, un’anteprima, inclusi alcuni (sporchi) trucchi che gli investitori possono utilizzare per rafforzare il proprio interesse a scapito degli imprenditori. L’intero cheat sheet con i concetti è qui, tra l’altro, il post sul blog di Mol sulle preferenze di liquidazione qui.

5 linee guida quando si coltiva il proprio seme angelico
Dave Dirks (EVO Venture Partners) su LinkedIn e sul sito web
It ora che abbiamo una migliore comprensione dei termini e delle condizioni più importanti di un accordo VC, possiamo anche esaminare le migliori pratiche. Dave Dirks fornisce 5 linee guida che sono rilevanti sia per gli imprenditori che per gli investitori informali quando si tratta di fare un giro iniziale e i “termini” che ne derivano.

Capire i motivi dei rifiuti di VC: sei perfetto per i VC a cui stai proponendo?
Mathijs de Wit (Newion Investments) presso VEECEE e StartupJuncture
Ogni fondo di venture capital ha le proprie preferenze di investimento e il proprio punto debole. Se, come startup, lo studi a fondo in anticipo, puoi entrare in contatto con i VC in modo più mirato e questo può far risparmiare molto tempo a entrambe le parti, sostiene Mathijs. Ovviamente ha ragione, sebbene le VC possano anche contribuire fornendo informazioni più (esplicite) sulle loro preferenze di investimento e sui punti deboli. E anche se non va bene, startup e VC possono comunque offrirsi a vicenda molto amore (e aiuto).

Gestire le prestazioni dei dipendenti al massimo livello
Jan Andriessen (henQ) su VEECEE
Interessante post sul blog sulle migliori pratiche nel campo della gestione delle persone per startup e scale-up. Jan combina le lezioni che ha distillato dalla cultura di Netflix (sai, dove hanno giorni di ferie illimitati) e dalle sue società in portafoglio a henQ. Il filo conduttore che ne traggo: assicurati che i tuoi dipendenti, non importa quanto alti o bassi nell’organizzazione, siano coinvolti nella missione e nei successi dell’azienda e si sentano responsabili di questo. Se non possono o non vogliono, potrebbero voler guardare Netflix a casa o cercare qualcos’altro.

Presentazione e spiegazione della matrice di avvio per strategie di avvio
Thomas Mensink (Golden Egg Check) sul blog e StartupJuncture
Questa matrice di avvio proviene dal nostro tubo Golden Egg Check. È un modo per visualizzare i due più importanti indicatori di successo di una startup: potenziale (a lungo termine) e fattibilità (a breve termine). La Startup Matrix può essere uno strumento prezioso per aiutare le startup a diventare un “Money Maker”. Le strategie per questo dipendono dal tipo di startup; a volte il potenziale deve essere aumentato, ad esempio, rendendo il modello di business più scalabile, a volte la fattibilità deve essere aumentata abbreviando il time-to-market.

Aumento della concorrenza: VC statunitensi che entrano nella scena tecnologica europea
Pieter Welten (Prime Ventures) su VEECEE
Nel Stato dell’avvio tecnologico olandese & amp; VC Landscape sopra, abbiamo visto che molte società olandesi di VC americane hanno investito, tra cui Catawiki, Adyen, Shapeways, WeTransfer e Bynder. Pieter van Prime Ventures osserva che esiste effettivamente una tendenza a una maggiore concorrenza da parte degli Stati Uniti, ma che questo può funzionare in modo complementare rispetto alle VC olandesi, che spesso dispongono di fondi più piccoli e quindi fanno affari più piccoli. Per gli imprenditori che usano nomi americani come tattiche di negoziazione (o qualcosa del genere), ha una domanda: perché? Cita cinque punti che le startup dovrebbero chiedersi per determinare se ha senso lavorare con un VC americano, ma soprattutto se fa davvero impressione menzionare che stai parlando con lui (TL; DR no).

Questi sono gli imprenditori angelici che investono nelle startup in NL
L’editoriale di Sprout sul sito web e nella rivista
angeli olandesi non sono molto conosciuti per aver pubblicamente fatto coming out al riguardo. Sono davvero lì, quindi deve essere una cosa culturale. Nel frattempo li vedo anche uscire più spesso, e la lista su AngelList con gli angeli olandesi è aumentata. In ogni caso, la redazione di Sprout ha fatto del suo meglio per fare una panoramica della “variante dei polder della mafia di Paypal” e per realizzare una serie di ritratti (sulla rivista Sprout) di investitori informali olandesi. Spero che questo sfidi altri angeli a diventare più enfatici nella scena delle start-up, in modo che sia più facile per le start-up trovare e avvicinarsi agli angeli più rilevanti.

Le 8 caratteristiche del Perfect Startup Team
Bryan Ruiter (Golden Egg Check) su VEECEE
I VC amano investire in startup con un ‘team forte’. Ma cosa intendono esattamente con questo? Bryan ha studiato quali proprietà – e in quale misura – sono ottimali per un team di startup parlando con investitori, imprenditori ed esperti di sviluppo aziendale. Ha quantificato i risultati e li ha visualizzati in grafici. In questo modo possiamo vedere che molte proprietà hanno un ottimo; ad esempio, se hai già avuto un avvio, l’utilità aumenta, ma qualsiasi cosa più di 3 o 4 precedenti non aggiunge più di tanto. C’è qualcuno con la squadra perfetta?

8 + 2 suggerimenti per modelli finanziari di avvio e scalabilità
Nik Kalliagkopoulos (Prime Ventures) su VEECEE e StartupJuncture
Non sempre la parte preferita di una startup: la modellazione finanziaria. Molto utile per costruire e mantenere un buon modello al fine di identificare i problemi di liquidità, per comprovare il tuo bisogno di finanziamento e per monitorare i progressi. Nik fornisce 10 suggerimenti su come costruire un buon modello finanziario per la tua startup in Excel. Ciò a sua volta previene le curve della mazza da hockey dal cielo.

Ecco come i fondatori stanno proiettando il tasso di crescita delle loro startup
Stefani Bozadzhieva sul blog di Equidam e Silicon Canals
A proposito A proposito di curve delle mazze da hockey … Stefani ha analizzato come sono “realmente” quelle mazze da hockey, basandosi sui dati dello strumento di valutazione Equidam. Si prega di notare che questi sono i dati previsti, non i dati realizzati (idea per un post sul blog di follow-up in 3 anni?). A quanto pare, le startup pensano di aver bisogno in media di 24 mesi per raggiungere un milione di dollari di entrate.

Non lasciare che le startup ti facciano impazzire; gioca con i tuoi punti di forza & amp;
Competere con gli operatori storici – Sì, puoi!
Quintin Schevernels su Medium & amp; Pieter Welten presso VEECEE
Startup e aziende. È una specie di storia di David e il Golia. Da un lato, le aziende sono troppo ingombranti per innovare e le startup pensano che siano la ragione per cui i CEO aziendali dormono male. D’altra parte, le aziende hanno i mezzi per distruggere le startup con il semplice tocco di un pulsante, se si agitano, il che fa dormire male anche i CEO delle startup. Ma se lo guardiamo da lontano, come fanno Quintin e Pieter (entrambi da una prospettiva diversa), allora potrebbe offrire spazio per energia positiva e un sonno notturno migliore. Quintin spiega che la più grande minaccia per le società non sono le start-up, ma le società stesse. Consiglia loro di esaminare i loro punti di forza (come denaro, clienti e conoscenza) e di utilizzare questi vantaggi per innovare con nuovi prodotti e servizi. Pieter spiega che le aziende possono copiare tutto se lo desiderano, tranne la cultura e la mentalità delle start-up. Questo è il grande vantaggio di una startup. E forse alla fine le startup e le aziende possono persino lavorare insieme e imparare l’una dall’altra.

I post del blog che ho citato sopra sono molto utili. Mi sono perso qualche gemma? Fammi sapere!

Rispetto allo scorso anno, noto che c’è di più da leggere e quindi c’è una scelta. Quindi chiunque abbia contribuito con preziosi post di blog, approfondimenti, presentazioni, ecc. (Anche se non sei in questo elenco): fantastico!

Spero di poter leggere post sul blog più interessanti l’anno prossimo. Vorrei quindi concludere questo pezzo con un appello alle startup, agli investitori e agli altri stakeholder olandesi; condividi le tue conoscenze, intuizioni ed esperienze nel 2017!

Questo post del blog è apparso (in una versione leggermente ridotta) anche su Sprout .