Agente JJ, poliziotto grammaticale, qui per correggere e servire: 5 consigli per scrivere online

Molti imprenditori non sono nerd di parole. O anche nerd di qualsiasi tipo. Ma alcuni di noi lo sono. (Ehm.) In onore del Dictionary Day del 16 ottobre (sì, è una cosa), ho alcuni suggerimenti per scrivere. Migliore è la tua scrittura, più professionale apparirai.

Certo, non tutti i tuoi clienti o COI sono co p come me. Ma i tuoi clienti potrebbero benissimo essere insegnanti di inglese o insegnanti di inglese in pensione! O altre persone che vedono errori ripetuti nella tua scrittura, il che ti fa sembrare meno professionale. Spediresti un prodotto che sapevi non era del tutto corretto? In caso contrario, non dovresti inviare testi scadenti.

Se ti definisci un professionista qualunque cosa, anche la tua scrittura deve essere professionale! È un po ‘come vedere un brutto trailer di un film. Sai che cercano di mettere le cose migliori per convincere la gente a vedere il film. Se il trailer fa schifo, vai a vedere il film? Non lo faccio.

Di solito posso dirlo a persone che stanno solo facendo errori di battitura, rispetto a persone che davvero non conoscono le loro basi. Contro altri, per i quali l’inglese è la loro seconda lingua e dovrebbero fare una pausa. Non posso dire che la mia roba sia perfetta. Stavo guardando un vecchio post e ho beccato un errore di battitura che mi è mancato! Ma questo genere di cose dovrebbe essere piuttosto raro.

Sai che non sai scrivere? Assumi qualcuno che può. Assicurati di avere un buon correttore grammaticale e ortografico sulla tua email aziendale. Questo vale anche per cose come il tuo profilo LinkedIn e la biografia online. Quella roba dovrebbe essere perfetta, perché puoi continuare a modificare finché non lo fai bene.

“La grammatica è un pianoforte che suono a orecchio. Tutto quello che so sulla grammatica è il suo potere. ” – Joan Didion

Onestamente, questo post sugli errori di scrittura online potrebbe durare fino al prossimo anno. Ecco i problemi più frequenti che vedo. Dopo averli eliminati, la qualità dei tuoi contenuti online dovrebbe migliorare.

1. Per amore del mostro volante degli spaghetti, MODIFICA LE TUE PAROLE PRIMA DI RILASCIARLE.

La prima bozza di tutti è di merda. Stephen King e Nora Roberts non pubblicano le loro prime bozze. La prima bozza di nessuno compare nell’elenco dei bestseller del New York Times.

Posso effettivamente scrivere una prima bozza che abbia ortografia e grammatica completamente corrette. Devo ancora tornare indietro e modificare, perché è ancora una merda. Tendo a usare le stesse parole (e idee) più e più volte. È come se al mio cervello piacesse qualcosa, quindi deve essere ripetuto tre volte in un paragrafo.

Ho anche un problema con le frasi run-on. Non li vedi così spesso nei miei contenuti. Di tanto in tanto li uso per effetto, poiché uso frammenti di frase per effetto. Ma la mia prima bozza è stata una serie dopo l’altra. Dopo la corsa.

Non vuoi leggere quella roba. Non voglio leggere quella roba. Quindi modifico.

E deve passare del tempo dopo aver scritto la bozza. Devi vederlo con occhi nuovi. Più di una volta, la maggior parte delle volte.

2. Le parole che non usi tutti i giorni non dovrebbero essere presenti nei tuoi contenuti.

Essendo nel mondo aziendale da anni, posso assicurarti che parlare di affari è brutto e orribile. A nessuno piace davvero. Non utilizzare queste parole nei tuoi contenuti.

Se fornisci contenuti online per raggiungere clienti e potenziali clienti, cerca di capire che il tuo pubblico vuole sapere di essere ascoltato. Che la persona dall’altra parte del sito web ha la soluzione specifica per loro e comprende il loro problema.

I tuoi contenuti sono rivolti a mamme casalinghe? Se utilizzi molto linguaggio di lavoro, non ti metterai in contatto con loro.

Se d’altra parte sei un consulente che si occupa di consulenti aziendali, sei pieno di … uh, gergo … quindi sentiti libero di usarlo.

Vuoi sembrare intelligente con i tuoi contenuti? Contrariamente alla credenza popolare, le parole grosse in realtà fanno il contrario. Le parole che non usi regolarmente non suoneranno autentiche. Inoltre probabilmente non sai davvero come usarli.

Potrebbe andare bene se nemmeno il tuo pubblico sa cosa significano. Ma se lo fanno, sapranno che li stai usando in modo errato. Quindi sembrerai effettivamente meno intelligente che se avessi usato parole che conosci nel modo giusto.

E se anche il tuo pubblico non conosce le parole, perché dovresti usarle?

3. Usa il thesaurus con attenzione.

Come molti insegnanti di inglese (sospetto), posso dire quando stai usando il thesaurus troppo forte. Perché stai usando parole che ovviamente non conosci molto bene … e le stai sbagliando.

A proposito, non c’è niente di sbagliato nell’usare un thesaurus! Ne uso uno quando sto modificando e ho ripetuto una parola, e il mio cervello si svuota sui sinonimi. A volte comunque non riesco a trovare esattamente quello che voglio. Invece riformulerò la frase.

Il problema è che molte persone non hanno abbastanza familiarità con le parole per trovare quella giusta che si adatti alla frase.

OK, avviso super nerd! In realtà non me l’hanno insegnato a scuola e potresti non esserlo neanche tu. Questo è il motivo per cui ti sbagli. Non so se è lo stesso in altre lingue. In inglese, le parole hanno una denotazione, che è il significato della parola.

Ma hanno anche una connotazione, che è un sentimento, uno stato d’animo o un’idea che è comunemente associata alla parola. Le connotazioni di solito non sono nel dizionario. In un thesaurus, le parole con denotazioni simili sono elencate come sinonimi. Tuttavia, non possono essere scambiati tutti l’uno con l’altro a causa della loro connotazione.

Confuso, lo so. Prendi “spaventoso” e “terrificante”. Entrambi hanno la stessa denotazione: “spaventoso”. Ma le loro connotazioni sono diverse.

Sentire il ruggito di un leone in lontananza è spaventoso. Sentire il ruggito di un leone fuori dalla tua tenda è terrificante.

4. Smetti di usare così tanti apostrofi.

Per favore, fermati. Non so perché la gente ama così tanto gli apostrofi. Li vedo in tutti i tipi di posti a cui non appartengono. Se hai più di un bagno infestato, hai due bagni infestati. Non “due bagni infestati”. NON c’è apostrofo.

Gli apostrofi non formano una parola plurale.

Gli apostrofi hanno due ragioni per essere in una frase. Uno è mostrare dove sono state omesse le lettere (contrazione). “Non” è la contrazione di “Non”. La lettera “o” è stata omessa, quindi è qui che va a finire l’apostrofo. Non entrare nel dungeon rosso!

Non sarebbe dovuta entrare nella prigione rossa! L’apostrofo avviene con “o” in “non dovrebbe”. Inoltre, tieni presente che è “non dovrebbe avere”. NON “non dovrei”.

Il secondo è mostrare il possesso. La mano ossuta dello scheletro aveva tre dita in più. Il sangue schizzò fuori dal collo del mostro. Gli artigli del mio gattino sono lunghi quattro pollici. Le cacca a cubetti del quokka aprono un portale nella sesta dimensione.

Possesso e contrazione sono le uniche ragioni per cui dovresti usare questi cattivi ragazzi. Se modifichi i tuoi contenuti sull’attuale occupante dello Studio Ovale, li stai utilizzando in modo sbagliato.

L’errore che vedo più spesso è con la parola “it” . Il possessivo di “esso” è “suo”. Non c’è apostrofo . L’unica volta in cui scrivi “è” è quando intendi “è”.

Sta versando sangue dagli ascensori. Il suo corpo sembrava materializzarsi un centimetro peloso agonizzante alla volta. Se riesci a ricordare di usare “è” SOLO quando intendi “è”, lo farai bene ogni volta.

5. Conosci le differenze tra le parole comuni che hanno lo stesso suono.

Non so perché questo sembra improvvisamente essere una cosa. Non ricordo che fosse un tale problema quando ero più giovane, e ora lo vedo ovunque.

Quando le persone usano “regno”, il più delle volte, in realtà significano “sfogo”. Perché la maggior parte delle volte le persone parlano di frenare o limitare qualcosa. Come frenare il tuo uso degli apostrofi.

Regnare significa dominare.

Questo è sempre stato un problema. Preposizione, doppia e anche o più, in quest’ordine.

A questo punto, probabilmente ti rendi conto che “lo sono” significa che lo sono. “Loro” è la forma possessiva, come nei “loro guanti di velluto nero”. “Là” è una direzione o un luogo, come in “i corpi sono sepolti laggiù”.

Questi due non si pronunciano allo stesso modo, a differenza dei tre precedenti. “Loose”, (pronunciato sciolto) è ciò che i tuoi pantaloni sono dopo aver “perso” (pronunciato looz) peso.

Riepilogo

Dai un aspetto professionale ai tuoi contenuti web. Modificalo prima di pubblicarlo. Se non usi una parola regolarmente o non sei del tutto sicuro di come dovrebbe essere usata, non usarla! Lavora invece con parole comuni.

Il tuo pubblico vuole relazionarsi con te, non si sente come se stessi parlando con loro.

OK, quindi tutto questo è troppo complicato / fastidioso / insopportabile. Hai bisogno di aiuto con la tua scrittura? Ti ho coperto !